BONUS BEBE' ANCHE ALLE FAMIGLIE ADOTTIVE

VAI AL LINK PER FIRMARE LA PETIZIONE

ECCO IL TESTO DELLA PETIZIONE

"Le Associazioni Familiari del Coordinamento CARE (Coordinamento di 34 Associazioni Familiari adottive e affidatarie) chiedono che sia data immediatamente la possibilità alle famiglie adottive di richiedere il bonus bebè previsto dalla Regione Lombardia nell'ambito della sperimentazione "Reddito di autonomia" (approvato nella seduta dell'8/10/2015) quale contributo economico una tantum di 800 euro per i secondi nati e di 1000 euro dal terzo figlio in poi, quale sostegno socio-economico al percorso di crescita del bambino (per i nati nel periodo 8 ottobre 2015 - 31 dicembre 2015)

La famiglia che adotta realizza il diritto di un minore in stato di abbandono e in quanto tale ne garantisce la possibilità di nascita all'interno di una famiglia.  

Le famiglie adottive contrastano attivamente la denatalizzazione attraverso l’ingresso in famiglia di uno o più figli. Nonostante ciò sono discriminate dalla regione Lombardia che non riconosce loro i diritti delle famiglie biologiche.  

Togliere il bonus bebè alle famiglie adottive significa discriminare i bambini che sono stati adottati con adozione internazionale e nazionale. In particolare i bambini adottati in nazionale vengono discriminati due volte, poiché il bonus bebè non viene assegnato né alle loro famiglie di origine né alle famiglie adottive.

Il Coordinamento CARE sollecita una veloce revisione di questo evidente errore e invita tutte le famiglie a sottoscrivere questo appello"

Il libro della nostra adozione. Storie per bambini

Per prepararsi ai colloqui con gli operatori, per comprendere  la relazione genitori-figli adottivi e il mondo dell'adozione. NEW

Adottiamo un figlio. Guida pratica per i genitori.

Per raccontare il mondo dell'adozione in famiglia e a scuola NEW

PER I NONNI: PER  AIUTARLI A CAPIRE L'ADOZIONE 

PER GLI OPERATORI E STUDENTI CHE SI OCCUPANO DI  FORMAZIONE  E SOSTEGNO GENITORIALE

PER GLI OPERATORI, INSEGNANTI E STUDENTI

PER GLI OPERATORI, INSEGNANTI E STUDENTI