IL LIBRO: UN AIUTO IN FAMIGLIA E  A SCUOLA PER RACCONTARE L'ADOZIONE

 

E' fondamentale progettare con la scuola, l'insegnante e il gruppo dei bambini  il momento del Benvenuto. E' un'attività educativa  che ha l'obiettivo di preparare e facilitare l'inserimento a scuola e nel gruppo classe.  

Attraverso la lettura del Libro della nostra adozione i bambini conoscono la realtà dell'adozione e i diversi modi di essere famiglia. Insieme poi preparano un regalo da consegnare al nuovo compagno. 

Un modo per lavorare per l'inclusione  nel gruppo e facilitare le relazioni di accoglienza e di sostegno. 

Al termine del libro sono contenute le Guide per i genitori e gli insegnanti. 

 

L'importanza del racconto dell'adozione

 

Il racconto dell'adozione rappresenta uno dei compiti più delicati della famiglia adottiva.  Genitori e figli partecipano a costruire la storia dell'adozione in relazione alle diverse caratteristiche che  ogni esperienza di vita racchiude. Non esiste un unico racconto dell'adozione, ma molte  tipologie di  narrazione in funzione degli eventi vissuti dal bambino, dai genitori e dalla famiglia.

 

Per questo  è importante conoscere quali sono i nuclei tematici attorno a cui si costruisce la storia dell'adozione, quali sono le parole da utilizzare, quali sono le espressioni da evitare,  quali sono  "i perché" dell'essere stato lasciato dalla famiglia di nascita e  del desiderio dei genitori adottivi di  adottare. 

 

Sono temi complessi che non possono essere presentati in modo sintetico e parziale.  Per questo esistono libri dedicati ad approfondire questo argomento sia per gli adulti, sia per i bambini. 

 

© Tutti i diritti sono riservati, come da legge sul Diritto d'Autore n. 518 del 1992 e successive modifiche.

L'obiettivo del racconto

 

L'obiettivo è di permettere al bambino e alla famiglia di parlare tranquillamente dell'adozione,  di farlo diventare un tema di confronto naturale in modo che il bambino possa arrivare ad affermare " sono adottato" con spontaneità e  fierezza.  

 

Gli aspetti più complessi sono quelli legati al racconto delle situazioni che hanno portato l'adozione ( trascuratezza e maltrattamento)  che il bambino potrebbe ricordare o non avere memoria e come raccontarli.   In entrambi i  casi  è importante scegliere le parole corrette per raccontare questi eventi  in modo che diventi un'opportunità per comprendere la propria storia e per consolidare il legame famigliare. 

 

Il racconto dell'adozione si inserisce all'interno di un lavoro educativo volto a permettere al bambino di costruire la propria identità come figlio adottivo in una dimensione di completa serenità. E' un percorso articolato perché l'adozione inizia con  una separazione e i genitori hanno il compito di accompagnarlo nella ricostruzione della propria storia in modo sereno e graduale.

Il racconto dell'adozione si avvale di strumenti diversi che aiutano  la famiglia  a accompagnare il bambino in questo percorso. Tra questi i più importanti sono: 

1) la realizzazione del Diario di bordo dell'adozione o Lifebook;

2) l'album di foto e i video: 

2) la celebrazione dell'adozione con la preparazione e realizzazione della Festa dell'adozione;

3) la scatola dei ricordi;

4) la lettura di libri per l'infanzia su storie di bambini adottati o che richiamano l'adozione; 5) l'albero degli affetti.

 

Per una lettura approfondita  di ogni singolo strumento è possibile consultare il capitolo 8  di Adottiamo un figlio. Guida pratica per i genitori